0-image001.jpg@01CF83EE.95C0CF50-image001

Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

 

Cuffie Sennheiser HD 700 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Cuffie Sennheiser HD 700

Sembra complicato, in realtà fare buon marketing non consiste altro che nel procurare al mercato ciò che chiede, ne più né meno. E questo è il caso delle cuffie che vi voglio presentare oggi : le Sennheiser HD 700, ultime nate della famosa casa tedesca e distribuite in Italia in esclusiva da EXHIBO

 Premessa 

Il mondo dell’audiofilia, in modo particolare quello dei “cuffiofili” ha vissuto diversi cambiamenti negli ultimi anni, un po’ per il susseguirsi di mode o teorie relative la qualità del suono e della sua interpretazione, ma anche dettati dalla necessità da parte dei produttori di sviluppare sempre nuove tecnologie volte a conquistare il maggior numero di quote di mercato relative. Lo sforzo progettuale dei vari concorrenti in campo si combatte a suon di innovazioni sia di carattere primario che secondario, il che significa produrre in maniera sempre più qualitativa e mirata a colmare efficacemente le aree di intervento ancora scoperte. La vera guerra, se vogliamo chiamarla così, è cominciata nel 2009, solo qualche anno fa, quando con un fattore sorpresa degno del miglior stratega militare, la Sennheiser presentò al mercato il super acclamato modello HD 800. Un concentrato di nuove tecnologie e una qualità del suono tale da riuscire a convertire a questo nuovo modo di interpretare l’alta fedeltà in cuffia anche i più accaniti sostenitori dei diffusori o i fanatici delle cuffie di tipo planare .

Alla Sennheiser risposero prontamente quasi tutti i maggiori attori di questa fortunata nicchia; la Beyerdynamic introdusse la T1 Tesla che contrappone alla tecnologia di trasduttori acustici da 52 mm con anello vibrante della Sennheiser la propria soluzione in grado di provvedere oltre un Tesla di fluidità magnetica, e poi ancora la Audezee  con le sue fantastiche LCD 2 planari e di seguito un po’ tutte le altre si adeguano a questa nuova corsa verso il suono “perfetto”. Ma questo suono perfetto, come si può descrivere in maniera così oggettiva da poter garantire che le caratteristiche che lo distinguono al di sopra di ogni ragionevole dubbio siano poi riconoscibili e condivisibili da tutti gli audiofili? Be’, ho paura che questo non sarà mai possibile proprio per il fatto che ognuno di noi “sente” in maniera diversa. Per meglio aiutarci a collocare i nostri giudizi relativamente la capacità che le cuffie hanno di riprodurre in alta fedeltà, dobbiamo dividere le nostre analisi secondo le due correnti di pensiero che si sono formate tra i cuffiofili  in questi ultimi anni. Personalmente io distinguo queste due correnti in:

  • Analisti
  • Audiofili
Vi domanderete il motivo di questa distinzione visto che stiamo sempre comunque parlando di audiofili, e la mia risposta è molto semplice : gli analisti amano  “studiare” il comportamento di tutti i componenti della catena hi-fi in termini di capacità di riprodurre anche i più piccoli dettagli ( si anche la mosca che volava nello studio al momento della registrazione); gli audiofili invece pur pretendendo la stessa qualità di trasparenza desiderano un’esperienza musicale più rilassata e coinvolgente. Solo gusti personali. Nessuno dei due è più “audiofilo”  degli altri.
Questa chiarificazione la ritengo necessaria per meglio comprendere i contenuti  di questa recensione in relazione alle cuffie Sennheiser HD 700.
 
Sennheiser HD 700 on syage 1024x999 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Le HD 700 in pre – party time

 

 CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE CUFFIE Sennheiser HD 700

  • Risposta in frequenza: 15–40.000 Hz (–3dB) 8–44.000 Hz (–10dB)
  • Distorsione armonica totale: ? 0,03% (1kHz, 1Vrms)
  • Pressione acustica: 105 dB SPL (1kHz, 1 Vrms)
  • Impedenza: 150 Ohm
  • Peso (senza cavo): 270 g.
  • Connettore: ¼” (6,3 mm) stereo
  • Cavo di collegamento: 3 m tipo OFC

COME E’ STATA ESEGUITA QUESTA RECENSIONE

Di seguito i dispositivi , il software e i brani utilizzati :

CUFFIE : Sennheiser HD 650Beyerdynamic T1 Tesla – Audezze LCD 2 -SENNHEISER HD 700 - Sennheiser HD 800 ( non presente al momento, ma avendola posseduta per qualche mese ne ricordo bene le prestazioni)

SORGENTE:  iMac – Lion 64 bit – Amarra 3.4 con brani musicali caricati sulla cache del sistema. Nessuna equalizzazione applicata.

DAC :  NuForce Icon HDP

AMPLIFICATORE: WOOAUDIO WA 2 con il solo upgrade delle valvole di potenza Sylvania 7236 NOS.

MUSICA

  1. Rock : U2 – Porcupine Tree – Tool  – Perfect Circle – Riverside –  Pink Floyd
  2. Pop : David Bowie –   Lana Delrey – Lene Marlin
  3. Classica : Chaikotsky – Bethoven – Vivaldi
 
 
Senn HD 700 WA 2 2 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Sennheiser HD 700 con WA 2

 

Senn HD 700 WA 2 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Sennheiser HD 700 e Mac

 

Abbiamo  prima parlato del fatto che le  case costruttrici tra le varie attività di marketing,  cercano di individuare delle aree ancora scoperte dove inserire nuovi modelli. Per Sennheiser in particolare, questo se vogliamo, è stato forse il passo più facile, perchè era evidente che tra la storica HD 650 e l’  ultima ammiraglia HD 800 il gap era piuttosto grande. Una,  la 650 è una cuffia per audiofili, l’altra la classica super rivelante senza perdono   HD 800  è la cuffia prescelta dagli analisti.

Se pensiamo che la  HD 650 sono anni che tiene il  mercato, ed è ancora oggi il punto di riferimento da cui  partire quando si  progetta un nuovo modello, ci domandiamo dove nasce la necessità di coprire questo gap con un nuovo progetto come la Sennheiser HD 700. Il problema nasce dal fatto che negli ultimi anni vi è stata una evoluzione particolarmente “spinta”  ( a mio parere) nelle caratteristiche delle cuffie dedicate agli “analisti”. Modelli come le  HD 800 e le T1 sono diventate il simbolo della massima  neutralità  e  trasparenza, offrendo ampie scene sonore e riproduzioni di gamme (sopratutto alte) di notevole estensione. Questi due modelli  si  contendono la nicchia degli analisti per le loro particolari capacità di riproporre tutto ciò che è umanamente audibile. Sono cuffie da sogno, se vogliamo, sopratutto le  HD 800 che offrono sessioni musicali    assolutamente imbattibili nei generi  Jazz e  classico.  E allora il problema dov’è’  se questi modelli sono così perfetti. Il problema sta proprio nel fatto che il mercato degli audiofili amanti della musicalità hanno chiesto a gran voce che anche per loro fosse sviluppato un prodotto ad hoc. Una cuffia in grado di unire la  grande musicalità delle HD 650  alla trasparenza e  scena sonora delle HD 800.

VI PRESENTO LE SENNHEISER HD 700

Dopo tutti questi preamboli è ora di venire al sodo. Non riesco però a  trattenere il mio  entusiasmo prima di cominciare e quindi ve lo dico subito : le HD 700 sono cuffie meravigliose e lo dice uno che non si entusiasma tanto facilmente !

Ecco il perchè.

DESIGN  DELLE CUFFIE

Come le sorelle HD 800, anche le Sennheiser HD 700 ricalcano un design futuristico,  il che a  mio parere è una cosa positiva, segno di una evoluzione  di carattere tecnologico il cui compito di  rivelarne i contenuti è affidato al “look & feel” ( si lo so  una volta era touch & feel, ma   i tempi si evolvono). Quindi già  a solo guardarle ti raccontano una storia   di studi e ricerche.

A parte l’eleganza, che per molti è l’ultima cosa da valutare, in termini di robustezza le Sennheiser HD 700  sembrano più fragili delle  sorelle maggiori,  ma   questo è  solo un effetto dovuto alla grande leggerezza di queste cuffie, che  anche indossate per giornate intere, ( come nel mio caso) non affaticano   mai. Si indossano  e  dimenticano. Ma c’è  anche un motivo di carattere tecnico dietro a queste linee taglienti e circolari che sembrano dividere le coppe in sezioni: l’abbattimento di ogni vibrazione che si traduce in distorsioni inesistenti (all’orecchio umano ovviamente) e quindi qualità del suono.

Sennheiser HD 700 particolare lato coppa 1024x854 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Abbattimento delle vibrazioni tramite design futuristici

Come gli altri modelli di gamma alta, queste Sennheiser HD 700 sono cuffie di tipo “aperto”, e in questo caso sono stati adottati dei trasduttori che implementano la nuovissima tecnologia Sennheiser che consiste in magneti ventilati che controllano i flussi d’aria ! L’effetto è incredibile perché si percepisce la ricchezza e struttura degli alti a tal punto da sembrare non cuffie dinamiche ma addirittura elettrostatiche. Le cuffie elettrostatiche le ho sempre trovate pessime nella risoluzione dei bassi e medi bassi, e per fortuna le Sennheiser HD 700 in questo settore mantengono la forza necessaria a spingere come si deve le gamme  inferiori. Ma di questo parleremo più avanti.

 

Snodo archetto cuffie 1024x680 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Snodo archetto

Come si vede nella foto, il disegno leggermente ovale delle coppe è studiato apposta per avvolgere il padiglione auricolare in maniera eccellente. I cuscinetti sono morbidi ma solidi in modo da garantire supporto al telaio e archetto senza sacrificare nulla alla distribuzione interna dei flussi sonori.

Cuffie Sennheiser HD 700 particolare interno padiglione Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Sennheiser-HD-700 particolare interno padiglione e microfibre high quality

 

L’archetto ricalca sia il design che la robustezza teutonica dei modelli di fascia alta di Sennheiser. Plastica si, ma progettata in maniera tale da sfruttare  gli attriti e le leve fisiche naturali che si generano nei meccanismi di innesto. Il risultato,  un sempre perfetto equilibrio a garanzia di vestibilità e confort.

Cuffie Sennheiser HD 700 particolare archetto 1024x680 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Particolare dell’innesto

 

Cuffie Sennheiser HD 700 particolare attaccatura archetto 1024x680 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Particolare dell’aggancio al padiglione

 

Nella Sennheiser HD 700 tutti gli elementi mobili sono ancorati con precisione. Non ho mai sentito il minimo rumore di materiali sotto sforzo o sensazioni di fragilità strutturale. E finalmente vengono anche segnati i canali  destro e sinistro delle cuffie in maniera chiara e elegante. Finiti i tempi della caccia al tesoro per capire dov’era il destro o il sinistro (abitudine che si è sta sfortunatamente consolidando in molti modelli attuali).

Sennheiser HD 700 logo inciso 1024x680 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

L’elegante incisione del logo

 Si lo so a voi sembrerà inutile ma io lo trovo veramente accattivante.

ufie Sennheiser HD 700 jack coppa 1024x680 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Jack del cavo

Questo invece non è assolutamente un dettaglio di poco conto. L a possibilità di poter staccare il cavo senza essere costretti a smontare le cuffie  è un grande plus. Chi ama provare cavi diversi e personalizzati ,con le Sennheiser HD 700 non avrà problemi. Sopratutto per soluzioni bilanciate.

Senn HD 700 WA 2 4 1024x680 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Jack HD 700

Il jack lato amplificatore delle HD 700. Da notare l’elegante armatura pensata apposta sia per fornire una presa più efficace che per proteggere il cavo stesso da distorsioni involontarie.

 

CARATTERISTICHE SONORE DELLE CUFFIE SENNHEISER HD 700.

 

Prima di cominciare, una parola relativa la scelta del tipo di amplificatore va sicuramente spesa. Le Sennheiser HD 700 sono cuffie aperte con un’impedenza di 150 oHm, il che le qualifica nel mio vocabolario, come cuffie relativamente facili da guidare. E così effettivamente è, infatti, ho provato prima di tutto a collegarle al mio iPad, e non hanno battuto ciglio. Molto piacevoli e divertenti da subito, quindi anche per l’utente senza pretese le HD 700 saranno  già un mondo a parte rispetto agli auricolari o cuffiette di poco conto che vengono fornite in dotazione a certi dispositivi in commercio.

Peccato che a noi non interessa, perché qui si parla di alta fedeltà in cuffia, quindi tutto il resto è veramente noia. Detto questo torniamo alla scelta dell’amplificatore. Perché un valvolare?

Qui immagino troverò pareri discordanti con il rischio di riaccendere la vecchia diatriba tra solid state e valvola. Bè, io amo il timbro delle valvole, e se questo non bastasse c’è anche una ragione oggettivamente tecnica che giustifica questa scelta.

Cuffie hifi come le HD 800, T1, LCD 2  e oggi le Sennheiser HD 700 sono piuttosto selettive in questo settore, sono cuffie che amano essere guidate con autorità. Esigono energiche spinte e voltaggi adeguati alla loro statura. Ricordo poi, come già menzionato all’inizio di questo articolo, che le regine del mercato sono cuffie analitiche, quindi con una tendenza ad apparire addirittura un po’ aride in certe circostanze; questo è sopratutto vero  nelle gamme alte dove, in certi passaggi sonori, ascoltatori più sensibili potrebbero addirittura trovarle fastidiose .

Il mio Wooaudio Wa 2 sa bene come comportarsi con queste signore un po’ troppo petulanti. Il WA 2 è un amplificatore OTL (Output Transformer Less) che affida la distribuzione della potenza solamente alle valvole, quindi senza inquinamenti di sorta. Le valvole hanno il potere magico di addolcire le gamme alte più estreme, e riportare tutto ad un equilibrio sonoro che per i mie gusti, e quello di tanti audiofili, è quello giusto e più musicale.

Veniamo allora alle HD 700 e vediamo come se la cavano collegate al mio WA 2.  Per capire meglio queste cuffie, e quanto veramente Sennheiser sia riuscita a creare qualcosa che va oltre la mera copertura del gap tra un modello e l’altro, bisogna necessariamente confrontarle con quello che c’è di meglio. E così faremo.

ALTI

Quando Sennheiser annunciò le HD 700 tutti si aspettavano  una cuffia che suonasse come le HD 800 ma con alti meno euforici e bassi più pronunciati. Parliamo allora degli alti.

HD 800 : molto estesi   e in certe occasioni leggermente sibilanti. La struttura progettuale della gamma alta di queste cuffie è quella responsabile in gran parte dell’immensa e fantastica scena sonora di questo modello.

T1: estesi ma leggermente meno “penetranti” , non così articolati come nelle HD 800 ma non siamo lontani. Anche in questo caso, come con le HD 800, dopo un paio di ore d’ascolto sento la necessità di riposare e staccare. Con così tante informazioni sonore altamente dettagliate, a individui sensibili  si consiglia una camomilla a portata di mano. Ma come già detto un analista vorrà proprio questo.

LCD 2: anche qui gli alti, come è giusto aspettarsi da cuffie di gamma alta, non sono certamente “sbagliati”. Non sono però della stessa estensione e struttura dei modelli sopra citati. Si ha la sensazione che in certe occasioni siano un po’ troppo arrotondati.

HD 650: grandi queste cuffie, che anche nelle gamme alte si fanno rispettare . Certo lo scopo progettuale in questo caso era la musicalità, e quindi una percepibile moderazione delle alte frequenze calza a pennello. E infatti l’ascolto delle HD 650 non è mai stancante. Ma un pizzico di verve in più non guasterebbe.

HD 700: la perfetta mediazione. Quando ascolti queste cuffie gli alti sembrano uscire dal nulla, e lo fanno in maniera educata nel massimo rispetto dei nostri padiglioni auricolari. Mai improvvisi picchi che infastidiscono, ma grandissima trasparenza allo stesso livello delle HD 800 e T1. Molto più precisi e estesi rispetto alle LCD 2 e HD 650. Le informazioni ci sono tutte ma distribuite con grazia.

 

MEDI

Questo è un settore molto delicato perché spesso, cuffie non ben progettate, possono fallire nella giusta separazione con le frequenze superiori o inferiori. Non è naturalmente il caso di nessun modello da noi preso in considerazione in questo articolo, ma è giusto ricordarlo.

HD 800 : molto precise nel distinguere le tonalità e nel ridistribuirle nella scena sonora con l’adeguata ampiezza e profondità. Non potevamo aspettarci nulla di meno da queste ammiraglie.

T1: anche le Beyerdynamic ci sanno fare con le medie frequenze, e, come le concorrenti, in gamma alta hanno grande capacità selettiva tra voci e strumentazioni. Molto bene.

LCD 2: che le LCD 2 siano molto musicali è risaputo. Il loro carattere “scuro” nella gamma media si rivela forse il più ben gestito tra le altre due gamme. Non raggiunge forse la precisione delle HD 800 e T1, ma risulta nel complesso molto piacevole all’ascolto perché le informazioni ci sono tutte e ben presentate.

HD 650: la gamma media ha reso famose queste cuffie che pur non appartenendo al target price delle altre fa il suo dovere in maniera esemplare, intercettando tutte le tonalità con precisione e musicalità.

HD 700:  eccellenti! A livello delle HD 800 e T1. Le hd 700 rivelano un carattere analitico proprio dove un ascoltatore lo desidera di più, proprio nei medi, dove impasti con le gamme confinanti possono diventare trappole imperdonabili. Analisi, separazione e distribuzione dei vari toni è assolutamente perfetto.

BASSI

I bassi sono uno degli argomenti più controversi tra audiofili e analisti. I primi ( e concordo) sostengono che la riproduzione dei bassi dovrebbe riuscire il più possibile a restituire quel senso di vibrazione viscerale tipica dei concerti o audizioni dal vivo. Gli analisti vogliono invece che i medi e gli alti siano le frequenze che definiscono la precisione della riproduzione, e quindi la sua fedeltà.

Che devo dire, a ognuno il suo. Ma cuffie high-end come le HD 800 e le T1 soddisfano sicuramente solo una parte del mercato.

HD 800 : ci sono. E basta. Sono molto articolati e con registrazioni di qualità possono diventare anche molto estesi. Mai impattanti e coinvolgenti. Sorry.

T1: come sopra. Anche qui se vi aspettate che le emozioni arrivino dal basso rischiate di rimanere delusi. Estensione e articolazione si, impatto mai.

LCD 2: le migliori in assoluto tra tutte. Peraltro la Audezee ha fatto di questo aspetto il suo cavallo di battaglia. Le LCD 2 sono rinomatissime tra gli audiofili per la grande capacità di estensione, profondità e controllo sulla gamma bassa. Un vero piacere. Sono le cuffie che più si avvicinano ad una esperienza sonora simile a quella dei diffusori. Ma pagano il prezzo di tanta generosità nel reparto della scena sonora, come vedremo più avanti

HD 650: anche le HD 650 hanno dei bassi molto piacevoli e più coinvolgenti delle HD 800 e T1, ma non così articolati e controllati.

HD 700: qui Sennheiser ha fatto il miracolo a mio parere. Senza nulla togliere alla qualità della scena sonora, le HD 700 sono quelle che più si avvicinano alla magnificenza dei bassi delle LCD 2 che a mio parere sono le migliori. Le HD 700 sono precise, estese e molto articolate. In registrazioni rock di qualità i bassi arrivano da sotto con decisione ma molto educatamente, coinvolgono e regalano in certe occasioni anche la visceralità tipica dei concerti, ma senza mai esagerare. Ripeto, tutto questo senza infierire sulla scena sonora. Questo a mio parere è il merito dello sforzo progettuale tedesco. Bravi.

SCENA SONORA

La qualità della scena sonora è dove analisti e audiofili hanno opinioni assolutamente concordanti. Una perfetta scena sonora è dove il posizionamento degli elementi strumentali e vocali è il più fedele possibile a quello originale della registrazione. Le caratteristiche della scena sonora si misurano in termini di ampiezza, profondità e giusta dislocazione.

HD 800 : regine incontrastate. Scena sonora ampissima, profonda e precisa collocazione degli strumenti e e delle voci. Non si può chiedere di più. Perfetta.

T1:  molto simile alle HD 800 ma un po’ meno ampia. separazione e collocazione anche qui ai massimi livelli.

LCD 2: non è proprio la sua specialità. Nella ultima revisione (la seconda) che è quella che ho io, c’è stato un miglioramento notevole, ma siamo ben lontani dalle prestazioni delle HD 800 o T1.

HD 650: meglio delle LCD 2 ma certamente non se la possono vedere con le due ammiraglie tedesche di fascia più alta.

HD 700:  indovinate un pò. Le HD 700 si contendono con estrema facilità il titolo con le T1 e forse in certi casi si avvicinano anche di più alle sorelle maggiori. Queste cuffie sanno dove ogni elemento va posizionato, e riescono a essere “leggermente” più accondiscendenti anche con registrazioni non proprio eccelse. Tutto a favore della musicalità. Anche qui eccellenti.

Senn HD 700 WA 2 3 1024x680 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700

Le Senn con l’amplificatore Wa 2 utilizzato nella prova.

CONCLUSIONI

Quando viene annunciata una nuova cuffia da una qualsiasi casa costruttrice, generalmente l’aspettativa che si crea nell’immaginario collettivo del pubblico appassionato è sempre superiore alla realtà. Ciò che accade inoltre, ed è uno dei caratteri specifici di questo mercato, è che i prezzi di questi oggetti di culto non sono mai posizionati in maniera proporzionale ai reali incrementi qualitativi raggiunti con l’ultimo modello. Mi spiego meglio. Una cuffia che paghiamo ad esempio 500 euro, non sta a significare che suoni due volte meglio di una che ne costa 250.

Questo è dovuto al fatto che gli sforzi necessari per ottenere anche le più piccole implementazioni nella resa qualitativa del suono hanno dei costi elevati, sia nella ricerca e sviluppo che nella conseguente ingegnerizzazione della nuova tecnologia esplorata.

Nela caso della HD 700 lo sforzo è stato notevole considerato l’obbiettivo, e cioè, quello di creare una cuffia che suonasse come la HD 800 ma con alcune delle caratteristiche più musicali delle HD 650 che hanno riscosso tanto successo di mercato. Ci sono riusciti? A mio parere si, e sono andati anche oltre !

Le Sennheiser HD 700 coinvolgono in maniera appassionante perché tutto è studiato per renderle perfette . Si, perfezione è una parola che non amo usare quando parlo di cuffie, perché la cuffia perfetta non esiste. Ma confesso che non riesco a trovare un termine più adatto. Io non sono il tipo che misura la qualità del suono di una cuffia sulla base di rilevazioni strumentali. Io ritengo di riuscire a discernere con una certa accuratezza una buona prestazione da una mediocre soltanto ascoltando.

Le mie fino a ieri preferite T1, a confronto delle Sennheiser HD 700 sono oggi seconde in tutti i settori. Le Sennheiser HD 700 sono una riuscitissima combinazione di grandissimo equilibrio e capacità di coinvolgimento che non ho mai trovato prima con nessuna cuffia. La scena sonora di una qualità tale da preoccupare le HD 800, la gamma media mai impastata con elementi che non le appartengono.La timbrica naturale che rende le voci e gli strumenti reali, si appoggia con precisione e trasparenza su un tappeto di bassi strutturati, profondi, estesi e ben controllati che sanno sempre salire quando è il momento giusto.

Musicalità è la parola d’ordine qui. Ma anche grandissima fedeltà, perché anche gli analisti non potranno trovare difetti nella trasparenza di dettaglio di queste cuffie. Certo, non sono analitiche come le HD 800, ma non vogliono neanche esserlo. Sono cuffie nate per soddisfare la categoria degli audiofili, ma senza compromessi.

Google

 

VOTO: Quasi 10, ma solo perché il 10 non si da mai

moneta e1303294447100 Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700 dovrebbero posizionarsi intorno ai €. 900/1000.Appena disponibili metterò il link.
pollice su Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700
  • Qualità costruttiva
  • Design
  • Comfort
  • La migliore musicalità disponibile oggi
pollice giu Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700
  • Nulla da dichiarare

 

 

 

 

 

Summary
Reviewer
CUFFIEHIFI
Review Date
Reviewed Item
Sennheiser HD 700
Author Rating
41star Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700 1star Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700 1star Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700 1star Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700 gray Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700
m4s0n501
277 Responses to Recensione: Cuffie Sennheiser HD 700
  1. antonello339

    Con questa recensione ci hai davvero fatto venire l’acquolina in bocca…. certo che il prezzo sembrerebbe proibitivo per i più….
    Domanda da un milione di dollari: con le HD 650 posizionate in rete intorno ai 300 € ti domando se sia giustificato un prezzo più che triplo (certo lo so che non devono essere 3 volte migliori…) o se non convenga aspettare che si calmierizzi il loro prezzo? Certo che anche per i miei gusti sembrano il top. Ciao Antonello.

  2. SoundHead

    Ciao Antonello,
    ti chiedo scusa per il ritardo ma sono appena rientrato da una veloce vacanza.
    La differenza tra le HD 650 e le HD 700 è marcata, sopratutto nell’articolazione e controllo dei bassi, scena sonora ed estensione gamme alte che non sono mai troppo pungenti e fastidiose. Per quanto riguarda il prezzo a mio parere valgono quello che viene pubblicato. So di certo che già da settimana prossima si toreeranno intorno ai €. 700.Appena confermato se ti interessa te lo comunico.

  3. boy92

    Ciao..c’è tanta differenza ascoltare queste cuffie con il valvolare e senza?? Se come dac uso il centrance dac mini cx che come hai detto tu “ha un suono caldo simile al valvolare”, riesco a ottenere una una timbrica simile al valvolare risparmiando così 800 euro dell’amplificatore?

  4. SoundHead

    ciao boy92,

    direi di si. Parliamo di suono “simile”, e le hd 700 con bassa impedenza a mio parere dovrebbero cantare con il Centrance

  5. Big T

    Ciao Max,
    ho trovato ovviamente molto interessante il tuo blog perchè anch’io esattamente come te sono della categoria ‘audiofili’ (sia Home che Car Audio) ovvero coloro che si vogliono far catturare dalle emozioni e il calore che la musica può dare però cogliendo tutte le sfaccettature al meglio.
    A tal proposito, per uso prettamente notturno possedevo un vecchissimo modello Koss PRO/4XL uscito nel 1991 (!) e acquistato da me nel 1993. Capisco che ben pochi possano ricordarsele, comunque una cuffia che suonava veramente bene (con un’impedenza di 180 ohm) sia sul mio ampli Accuphase tramite Marantz CD10, sia tramite scheda audio PC (senza essere pilotate da un amplificatore dedicato) e addirittura su cellulari Nokia X6 e N8 con .mp3 a 320kbps. Qualche settimana fa hanno ceduto al peso degli anni e quindi, dopo aver letto i tuoi preziosi consigli, ho definito che la cuffia ideale sarebbe per tipologia di suono, proprio questa Sennheiser HD700 dato che siamo a livelli di eccellenza assoluta (ed un impedenza di 150ohm non esagerata). Il problema è il prezzo, ma per il top non si può pretendere di spendere il minimo.
    Il fatto è che abito molto vicino a Milano, ma a parte l’acquisto online, conosci posti dove si possano provare queste tipologie di cuffie Hi-End? Non penso che tutti siano così entusiasti di spendere 700 o anche 300 euro senza avere avuto una sensazione di come suonano!
    Un’altra cosa, dato che le mie erano cuffie chiuse: con questa tipologia di cuffie aperte, il suono diffuso nella stanza è parecchio udibile e può dare fastidio specie nelle ore più silenziose o è solo un vago rumore di fondo per chi non è all’ascolto?
    Grazie per l’attenzione,
    Fabio

  6. SoundHead

    Ciao BigT e benvenuto,

    grazie innanzitutto per i positivi apprezzamenti.
    Le Koss le ricordo ed erano delle grandi cuffie per quella volta, oggi con le evoluzioni tecnologiche raggiunte sono disponibili ovviamente ascolti qualitativamente molto al di sopra. Le Senn HD 700 sono fantastiche, ma non lasciarti ingannare dalla relativamente bassa impedenza; per ottenere il massimo da queste cuffie DEVI utilizzare un ampli dedicato serio. Dirò di più: meglio se un valvolare.
    Le cuffie aperte generalmente non offrono lo stesso isolamento delle chiuse, ma compensano offrendo una dinamica ed una stensione dei bassi molto più accurata e godibile. Tutta la gamma sonora è più strutturata e controllata grazie all’ariositàche riesconoa sfruttare. Del resto se ci pensi anche i diffusori acustici sfruttano la navigazione aerea delle onde sonore a proprio beneficio.

    Per quanto riguarda la possibilità di poterle ascoltare prima di comprarle, è sempre il solito problema, e cioè riuscire ad individuare vicino a te un qualche negozio che offra questa opportunità. Alternativa? Leggi più recensioni che puoi e fatti una tua idea. Sappi comunque che se deciderai per le HD 700 o pr le T1 non rimarrai sicuramente deluso.
    Fammi sapere :-)

  7. Max

    Ciao,
    innanzitutto ti faccio i miei complimenti per il sito, davvero molto utile e ben fatto.
    Volevo chiederti un consiglio, essendo indeciso tra Sennheiser HD 650 e Sennheiser HD 700. Ho letto entrambe le recensioni e sembra non esserci partita (a favore delle hd700). Se la hd650, però, fosse stata recensita con l’amplificatore WOOAUDIO WA 2 avrebbe avuto la stessa resa (del NuForce Icon HDP)? o si sarebbe avvicinata alla hd700? Questo per cercare di capire il più possibile la resa finale di entrambe a parità di “test” (con lo stesso amplificatore).
    Sono andato poi sul sito della Wooaudio: il WA3 o WA6 (che costano più o meno la metà del WA2) sono entrambi validi (per hd650 e hd700)?
    Ti faccio queste domande perchè comunque alla fine se le hd700 è necessario usarle (almeno) con un WA2 il costo si aggira sui 1565euro (700cuffie+865amplificatore), mentre le hd650 non solo costano quasi la metà (circa 400euro) ma se possono andar bene anche con il NuForce Icon HDP (circa 350) il costo si aggira attorno i 700euro…praticamente meno della metà rispetto a hd700+wa2.
    Detto questo..qual’è il tuo consiglio? E per queste cuffie non c’è nessun altro amplificatore audio che consiglieresti (altrettanto buono come Nuforce -qualitù/prezzo) ad es della suddetta wooaudio?
    Per quanto invece riguarda i software…avendo la maggior parte dei brani acquistati su itunes…il software che scaricherò mi convertirà i file di itunes (mp3) in noncompressi? Tutto questo per capire se poi una volta spesi tutti quei soldi riuscirei a sfruttare al massimo le cuffie con buoni file audio.
    Infine mi chiedevo..conosci per caso dei negozi a Milano dove è possibile provare le cuffie, magari con i vari amplificatori?
    Grazie in anticipo e ancora complimenti per il sito

    Lorenzo

  8. SoundHead

    Ciao Lorenzo,

    il tuo ragionamento è molto appropriato e vedo di risponderti in maniera più efficace possibile.
    Innanzitutto una premessa di carattere generale valida nell’ottanta per cento dei casi nel mondo HIFI:
    prezzo doppio NON vuol dire qualità doppia. Generalmente parliamo di incrementi nell’ordine del 20%/30%.
    E allora ti domanderai, perchè spendere il doppio per incrementi qualitativi che sembrano banali? Questo è il punto, non sono banali!
    Il 20/30 % in più nell’hifi è molto. Decisamente udibile, apprezzabile e godibile.

    Altro punto:le cuffie.
    Se avessi recensito le HD 650 con il WA 2, non sarebbero cambiate di molto le differenze in termini di caratteristiche acustiche della cuffia.
    Il WA 2 avrebbe solo enfatizzate queste ultime. Ad esempio i bassi, sarebbero stati più pronunciati (amplificati) ma non avrebbero mai raggiunto l’articolazione e controllo delle HD 700. Semplicemente perché quest’ultima è una cuffia migliore (del 20/30% appunto).Le gamme medie e alte, avrebbero subito un miglioramento in definizione e ed estensione, ma lo stesso vale per le HD 700 che ne uscirebbero comunque vincitrici grazie ad un progetto costruttivo più attuale.

    Gli amplificatori.
    I valvolari sono notoriamente più “caldi” dei solid-state. Per caldi indento che tendono ad arrotondare i picchi delle frequenze alte (arrotondare, non eliminare)
    rendendo meno stancanti certe cuffie un pò troppo analitiche. I medi e i bassi si amalgamano (non impastano!) in modo da fornire la sensazione di un precorso musicale unico ma ben caratterizzato. I solid-state (transistors) sono invece più adatti a cuffie di natura più soft, come ad esempio le HD 650, che traggono enormi benefici da questo approccio. Infatti alle mie orecchie, suonano meglio con l’HDP che non con il WA 2. Sembra proprio essere una sinergia studiata a tavolino.
    Il Nuforce è fantastico anche con le HD 700, ma non al punto da superare il connubio di queste ultime con un valvolare come il WA 2; questo è dovuto al carattere sonoro delle HD 700 che tendono ( al contrario delle HD 650) con certe registrazioni a spingere un po’ le frequenze più alte.

    Il mio consiglio?

    Dipende dalle tue intenzioni e gusti sonori, e cioè se preferisci analizzare o ascoltare la musica.
    Nel primo caso ti consiglierei senza dubbio di porre le basi con un buon amplificatore solid-state è arricchire la tua collezione di cuffie un pò alla volta con modelli che corrispondano alle caratteristiche sonore che cerchi.
    Nel secondo caso ( il mio) la base è un buon valvolare e cuffie di alta fascia che se in certi casi un po’ analitiche ( leggi Beyerdynamic T1), con le valvole si intimidiscono abbastanza da assumere il totale controllo di tutte le gamme regalando un suono si caldo e avvolgente, ma anche controllato e strutturato.

    Come vedi il segreto è indovinare la giusta sinergia. I valvolari non sono meglio dei solid-state, e non è vero neanche il contrario.

    Il giusto livello entry nell’ HIFI, è proprio quello da me indicato con la combo HD 650/NuForce HDP; sei nell’HIFI sicuramente, ma usi questa base come voli futuri.
    Se il budget te lo consente, io non esiterei un attimo e sceglierei HD 700 o T1 o HD 800 ( tutte a pari merito) in combinazione con un ottimo valvolare quale appunto il WA 2.

    Divertiti ora e… fammi sapere!

  9. Max

    Grazie innanzitutto per la risposta celere e anche per avermi fatto capire la differenza fra i due tipi di amplificazione (solid-state e valvolare). 
    Mi sembra anche di aver capito alla fine che la soluzione migliore è riuscire a provare le cuffie con le diverse combinazioni di amplificazione…detto questo, c’e’ qualche possibilità di farlo in Italia (se possibile a Milano)? Questo per cercare di fare la scelta migliore (in rapporto -soprattutto personale, visto che alla fine saremo noi ad ascoltare con quelle cuffie- qualità/prezzo) senza dover comprare tutte le cuffie e amplificatori per poi poterli provare “tranquillamente” (senza piu’ un soldo in tasca) a casa e capire quale fa più per noi!
    Inoltre, per quanto mi riguarda, sono ancora più indeciso perchè non ho un genere musicale preciso..su due piedi direi classica e jazz, ma ascolto veramente di tutto..dalla country al blues all’elettronica ecc…così come, aihme’, non riesco a definirmi ne’ come uno a cui piace “analizzare la musica” ne’ uno a cui piace “ascoltarla”, visto che ci sono momenti in cui m’interessa fare una cosa (ad es analizzarla avendo un rapporto piu’ “distaccato” con la musica) e altre volte un’altra (ad es immedesimarmi completamente con essa).
    Detto ció vorrei farti altre due domande: ci sono secondo te sul mercato delle cuffie parimenti buone come hd650 e hd700 (che ora prendiamo quasi come modello rapporto qualita’/prezzi per fare dei confronti) con uno stile piu’ retro’ (come ad es le lcd2) che personalmente gradisco dippiu’? (ma insomma e’ solo una questione estetica alla quale potrei benissimo chiudere un occhio se allo stesso prezzo, o addirittura inferiore, potrei prenderne una con un suono migliore)
    L’altra domanda è come l’ultima che ti avevo fatto nell’altro post, relativamente alla conversione dei file con l’uso dei software..? O altrimenti come si fa (a convertire i brani mp3)? E qual’e’ la funzione del software a questo punto? (scusa ma non sono così esperto di tutte queste cose perchè non ho mai avuto la possibilità di metterci le mani sopra..ma la passione e’ tanta così come la voglia di imparare che e’ sempre di più…a questo proposito sai se esistono dei libri/riviste che parlano in modo dettagliato di cuffie e amplificatori, così da iniziare a farmi una cultura?)
    Grazie ancora veramente per la disponibilita’ 

  10. Max

    PS: avendoti detto un po’ le mie esigenze potresti gentilmente consigliarmi anche dei buon auricolari in-ear, se esistono con “resa hifi” (sempre rapporto qualita’/prezzo e, se possibile, con la possibilita’ di regolare il volume e rispondere alle chiamate dell’iphone)?
    Grazie ancora

  11. boy92

    Ciao. Vorrei risponderti io per quanto riguarda la conversione dei file mp3. Se pensi di aumentare la qualità degli mp3 convertendoli in wav o simili è inutile xk una volta compressi i file, cioè in mp3, vengono tagliate delle frequenze che non sono più ripristinabili. Quindi se vuoi ascoltare la musica alla massima qualità devi comprarti i cd originali e quindi spendere altri soldi. Visto che ti piace la musica elettronica cè un sito che vende singole tracce in wav: http://www.junodownload.com/. Qui prevalentemente trovi musica elettronica, per quanto riguarda gli altri generi non esistono siti che vendono singole tracce in wav. Spero di esserti stato di aiuto!

  12. Max

    Grazie boy92! Ora sono veramente molto contento sapendo che tutti i brani che ho acquistato su itunes non potro’ mai ascoltarli ad un’ottima qualita’, soprattutto una volta che prenderó delle buone cuffie hifi….!! :(
    Vuol dire che dovro’ iniziare a comprare cd e smettere di acquistare la musica in mp3…
    Ps. Ma “itunes lp” non dovrebbe essere la musica di itunes non compressa o che comunque non perde la qualita’ come negli mp3?

  13. SoundHead

    Esatto, sto preparando un post dedicato a questo argomento specifico e spero di riuscirlo a finire per la prox settimana ????

  14. SoundHead

    Ciao Max,
    Anche il nuovo algoritmo di Apple per quanto sofisticato opera una certa quantita’ di compressione.
    Come vedrete nel post della prossima settimana, i formati da utilizzare in HIFI sono:
    – FLAC
    – AIFF
    – WAVE
    Come ho detto rimando al prossimo post per un vero approfondimento su questa materia ????

  15. Max

    Ah ok, perfetto!!
    Per quanto invece riguarda le altre cose che ti avevo chiesto nei due post prima che mi rispondesse “boys92″? (riguardo cuffie hifi over-ear e in-ear)?

  16. SoundHead

    Scusa il ritardo Max ma ho avuto giornate molto intense.
    Per quanto riguarda sale di audizione dove provare cuffie ho cercato brevemente con Google ma senza successo.purtroppo in Italia sembra essere molto complicato trovare strutture commerciali che offrono questo servizio che a mio parere e’ fondamentale????.
    Sulla conversione dei file e software dedicati ti rimando alla prox settimana in quanto sto preparando un post dedicato molto completo su questo argomento.Quindi rimani connesso ????.
    Se ti piace il vintage:

    Beyerdynamic DT 990 600 Ohm
    Sennheiser 480 II (quasi introvabili)
    Pioneer SE-L40
    Ultrasone HFI-2200
    Audio-Technica ATH-2 orthodynamic

    Ricorda pero’ che la tecnologia ha fatto passi da gigante, quindi non puoi aspettarti la qualita’ delle cuffie moderne.
    Pero’ mi hai dato una buona idea per un possibile articolo.
    A presto

  17. Max

    Figurati non preoccuparti del ritardo! Comunque si intendevo dal look vintage ma solo esteriormente, mentre moderne a livello di tecnologia (per questo avevo fatto l’es delle lcd2)…ad es ho visto che sono uscite le shure SRH1840 e se sono paragonabili alle sennheiser hd650 costando piu’ o meno lo stesso allora preferirei le shure a livello estetico (era un po’ questo il discorso..pero’ in primis la qualita’ audio ovviamente).
    Soprattutto m’interessa trovare una cuffia che riesca a soddisfare sia esigenze di “analisi del suono” che di “ascolto della musica”! Mi e’ sembrato di capire che le piu’ giuste per questo siano le hd700+wa2? O riescono anche le hd650+nuforce(che preferirei per compattezza e trasportabilita’) -anche se ovviamente non sono allo stesso livello delle 700? Ce ne sono altre (anche di altre marche)??
    Mentre per le in-ear pensavo le shure se-535…ce ne sono da prendere altre in considerazione secondo te o sono le migliori su quella fascia?
    Grazie

  18. Jicker

    Davvero un bel Blog, argomenti trattati con professionalità e chiarezza persino per chi come me non conosce molti termini tecnici. Volevo porti delle domande riguardo a un possibile acquisto di cuffie over the ear, ho cercato nel blog alla ricerca di una tua email ma non sono riuscito a trovarla e mi scuso anticipatamente per questa richiesta in un commento.

  19. Big T

    caro Max,
    N.C.S. !!! Impaziente e un pò dubbioso, necessitavo di una soluzione sbrigativa… nessuno in zona permette ascolti di questo livello e a tutt’oggi le HD 700 non le ha nessuno a listino su internet a parte la presentazione di Exhibo (che le distribuisce). Ho scelto di acquistare al buio il quinto modello nella scala Sennheiser per un presunto rapporto qualità/prezzo, ovvero le HD 558… (listino 179€).
    Ahi Ahi Ahi che sbaglio! Ben costruite, compatte, comode, leggere e facilissime da pilotare con qualsiasi apparecchiatura, appena ho fatto partire la sorgente ho capito che tutte le recensioni degli acquirenti non servono ad un granchè perchè ognuno ha le proprie esperienze musicali e il proprio orecchio più o MENO affinato nel corso degli anni e la maggior parte mi sa che o si accontenta o viaggia con fette di salame sopra. Le suddette cuffie mi hanno tolto subito il sorriso, non tanto per difetti evidenti ma per un impatto dinamico stravolgente, nel senso che ti stravolge i timpani con i bassi… un muro di bassi da malditesta, che mettono in secondo piano tutto, medi che arrivano dall’aldilà e alti che non definiscono e rimangono un pò appannati. Si salvano invece con tracce di musica rock perchè è il genere che si presta meglio ad essere riprodotto da queste cuffie. Evidentemente non fanno per me che preferisco la neutralità ed onestà totale dei suoni riprodotti piuttosto che colorature di varia natura (e senza ovviamente mettere mano alle equalizzazioni); dopo 15 minuti restituita al mittente senza esitazione! Temo anche che una soluzione superiore ovvero HD 598 (di cui ho letto la tua recensione in cui parli di suoni un pò artificiali per ottenere una resa sonora degna) ottenga più o meno gli stessi risultati. Sono in alto mare e non so da che parte girarmi! Che consiglio mi puoi dare ?
    Grazie, Fabio

  20. SoundHead

    ???? immaginavo una reazione di questo tipo, e le tue considerazioni sono corrette. Cuffie troppo colorate, e cioè che vanno oltre una dimostrazione di personalità, sono in genere pensate per un mercato consumer, che si accontenta di grandi volumi e bassi da tsunami !
    Evidentemente non fai parte di quella utenza, e se da una parte mi congratulo, dall’altra mi impensierisco per il tuo portafogli, perché sarà lui il protagonista delle prossime puntate.
    Consiglio di leggerti le recensioni su tutte le Senn,Beyerdynamic,Audezee e compagnia che puoi;sappimi poi dire il budget che ti proponi e ne discutiamo ????

  21. Zeb75

    Caro Soundhead, premetto che io ascolto moltissima musica elettronica e mi diverto anche a comporla.
    ho acquistato delle monster beats pro qualche mese fa, e mi ci trovo davvero bene. ascolto musica da ipod, oppure imac.
    mi consiglieresti le hd 700 oppure secondo te rimango con le beats pro visto l’utilizzo?

    Grazie

  22. Zeb75

    dimenticavo, il segnale dal mio imac è filtrato da un impianto bose companion 5. Grazie

  23. SoundHead

    Ciao Zeb75 e benvenuto,

    Le HD 700 sono cuffie audiofile a tutti gli effetti, e come tali garantiscono una fedeltà di riproduzione professionale.Sicuramente sono anni luce avanti rispetto a qualsiasi modello Monster, visto che queste ultime sono mirate ad un mercato consumer meno esigente.
    Le Beat sono cuffie divertenti perché enfatizzano molto i bassi e spingono medi e alti in frequenze che danno la sensazione di un buon ascolto. Prendi le HD 700 e vedrai che non tornerai più indietro ????

  24. Zeb75

    soltanto un’ultima cosa, viaggio spesso in aereo, quindi l’isolamento è per me fondamentale e per questo, le monster beats pro sono ottime, le hd 700 potrebbero rispondere alle mie esigenze?

  25. boy92

    Ciao..hai detto che Itunes store di Apple ha un algoritmo sofisticato quando si produce la musica. Ma cè tanta differenza tra questo algoritmo e l’originale?? Se riesci dammi anche una percentuale di differenza. Per me è fondamentale una tua risposta a questa domanda.

  26. SoundHead

    Ciao boy92,
    Guarda sto lavorando su un articolo relativo a questi argomenti specifici e lo posterò in settimana. Come regola tieni sempre conto del fatto che qualsiasi file compresso, a prescindere dall’algoritmo non sarà come l’originale.
    L’articolo che pubblicherò entra nel merito di come vengono trattati questi file dai migliori software digitali per pc. Sarà interessante e risponderà a molte domande di questo tipo che mi sono già state inoltrate.

  27. SoundHead

    Se l’isolamento e’ il fattore determinante sconsiglierei qualsiasi cuffia di tipo open, quali appunto le HD 700.

  28. boy92

    Va bene..aspetto allora. =)

  29. boy92

    Ciao..ho un’ultima e importantissima domanda da farti: hai detto che per fa suonare bene queste cuffie necessita di un amplificatore serio. Indipendentemente dal fatto che il top si ottiene con il valvolare come dici tu, il centrance dac mini cx è serio per queste cuffie??

  30. Zeb75

    Ciao Soundhead, ho acquistato un DAC cambridge magic plus e vorrei acquistare una sennheiser hd 700 o addirittura la hd800.
    premetto che la sorgente audio è un Imac di ultima generazione su cui ho installato Fidelia.
    volevo chiederti se per apprezzare meglio le sennheiser (non so ancora quale delle due comprerò) sia sufficiente il DAC oppure ritieni necessario l’acquisto di un buon amplificatore.
    inoltre, data la sorgente, mi consigli la hd 700 o la hd 800? ho avuto modo di provare le hd 800 con Sade, ed è stato stupendo!
    ogni tuo consiglio è ben accetto.

  31. dario

    Gentile SounHead,

    spinto dalle tue accurate e appassionati recensioni mi sono dato alle pazze gioie, acquistano un HP-P1 per viaggi e tempo libero e le tue super acclamate DH 700. Ho un valvolare di qualita’ a sostegno e non posso fare altro che confermare il valore di questi prodotti. Sono un audiofilo ma ogni tanto vorrei darmi alla precisione per certi dischi.

    Vorrei una tua opinione sulla gamma Grado di cui non trovo molte citazioni…. Sono le Leader del settore, così si legge, anche se spesso poco amate dagli udiofili per via degli acuti marcati. ( non prediligo le frequenze toppo alte )
    Amo lo stile Grado ma non saprei che modello potrei aggiungere alla mia “collezione” per essere più chirurgico senza dover fare un Leasing sul cane per acquistare le PS 1000.

    Ti ringrazio

    Un saluto

    Dario

  32. dario

    Qui se posso mi permetto di spendere due parole sulle mie ricerche in merito. Per comodità di trasporto sono un cliente iTunes da sempre. La qualità del formato mpg4 di apple e’ media se non medio bassa.( dipende dai produttori, come nei CD, certi sono incisi meglio di altri ecc) Siamo ad anni luce da formati lossless wav o aiff. Fra i compressi il wma e’ il più dettagliato e mp3 il peggiore, apple si pone sopra mp3. Spero in una modifica dei file originali attuali di Apple che solo la Apple può e potrà migliorare. (Pagando si intende ) so che a breve però arriverà un nuovo prodotto audio con iPod 3 che sarà una sorta di streaming ad alta fedeltà . Il formato serio di qui non si conosce il nome e la compressione perché sarà un altra esclusiva Apple . La speranza e’ che tutti i miei file potranno essere riaggiornati a questo nuovo formato sfizioso. ( La vedo dura ) Altrimenti via di cd o vinile che rimarranno ancora per parecchio il top del top.

    Salut

  33. dario

    Hd700 per viaggiare sono una menata anche da appoggiare. ( grosse ) . Più tutto il corredino di fili e ampli, sembri il pilota non un passeggero …..

    Io ho viaggiato per anni con le Bose nois concelling e le uso tuttora. ( so che qui qualcuno mi vorrà male ) ma sono le uniche studiate per le attaversate oceaniche, tengono 12 ore di batteria e c’è ne una seconda in dotazione. Suonano discretamente in stile tutto bum bum bassi, marchio della casa, ma sono piccole comode e molto valide per l’isolamento dei rumori. Io le lascio accese senza musica per dormire meglio ……. Fai tu

    Salut

  34. SoundHead

    Ciao Dario e benvenuto,

    Le Grado sono proprio cuffie che non sopporto.
    Che siano leader di mercato lo dubito, ma che nell’ambito della nicchia audiofila via sia una sottonicchia che le ama e’ senz’altro vero. Le uniche Grado che comprai qualche anno fa, dopo aver provato alcuni dei loro modelli top sono le 325is quelle che ho tenuto perché a mio parere un po’ più equilibrate delle altre.
    Perché non le amo particolarmente?
    – sono scomodissime, nonostante il piacevolissimo look retro, il design lo è veramente e dopo 20 minuti che le indossi sei stanco morto!
    – i bassi sono generalmente di buona qualità,anche se un po’ artificiali, e gli alti potrebbero perforare i timpani.
    No no no, not for me :-)

  35. SoundHead

    Zeb,
    Con HD 700 anche se ti sembreranno già grandi con il solo PC+DAC, nel momento in cui darai loro l’ampli che si meritano capirai veramente quanto sono generose.
    Nel mentre, sarebbe interessante una tua piccola recensione sul Cambridge che non ho mai avuto occasione di provare se la cosa ti facesse piacere ;-)

  36. SoundHead

    Concordo con tutto ciò che hai scritto

  37. SoundHead

    Va bene anche i Centrance per… Cominciare;-)

  38. boy92

    Va bene..io vorrei prendere le cuffie e il dac da headroom xk così mi arrivano le due cose insieme. E’ affidabile comprare prodotti da quel sito?? Non so se lo conosci..

  39. dario

    Ciao e grazie della pronta risposta,.

    ti seguo al volo e abbandono il progetto Grado, odio gli alti perforanti. Dalle tue recensioni capisco che abbiamo gli stessi gusti in termini di “piacere musicale” .

    Sono nelle tue mani, cerco qualcosa che mi stupisca come le DH700, ma in precisione. Una cuffia diametralmente opposta ma con caratteristiche da urlo ( senza alti che fanno saltare le otturazioni….. )

    ti ringrazio e ti saluto

    dario

  40. Zeb75

    Caro Soundhead, ieri ho acquistato le hd700, e su consiglio del commesso,(ancora dovevo leggere la tua risposta al mio post), anche un amplificatore lehmann audio rhinelander.
    ti dico solo che ieri è stato l’ 11 settembre della musica per me :-). da oggi un’altro mondo è possibile.
    adesso capisco cosa significa ascoltare la musica con le cuffie.
    riguardo il Cambridge, ti dirò, sono nuovo dell’ambiente e quindi non saprei esprimere le criticità dell’apparecchio,
    ma da quello che sembra, il suono sembra uscire più dolce ed allo stesso tempo più dinamico.
    lo ritenevo all’inizio un accessorio inutile, mentre invece non lo è.
    Grazie ancora!!

  41. SoundHead

    Complimenti!!!
    Sono felice di essere stato di qualche aiuto ( chiedi lo al tuo portafoglio :-)) ).
    Le HD 700 sono veramente delle gran cuffie.
    Certo le puoi anche alimentare con il Lhemann, sempre meglio che senza ampli.
    Tienici aggiornati sulle tue “evoluzioni” sonore.

  42. SoundHead

    Ciao Dario,

    Le cuffie che io consiglio sempre è che meglio rispondono alle caratteristiche audiofile sono queste:
    Beyerdynamic T1 ( analitiche, equilibrate, neutre, grande scena sonora )

    Sennheiser HD 800 ( analitiche, leggera enfasi verso le frequenze alte senza perforazioni,scena sonora ancora più grande)

    Audezee LCD 2 (molto precise ma con una propensione verso le gamme basse che sono estremamente articolate, scena sonora ridotta rispetto alle prime due ).

    Sennheiser HD 700 ( scena sonora a metà tra le HD 800 e le T1, precise nelle gamme sonore, leggermente inferiori alle due menzionate nelle gamme medie )

    Esistono anche altri modelli di cuffie che sono di altissimo livello, me per questo ti consiglierei di farti un giro sul sito per verificare quello che più si addice alle caratteristiche sonore che richiedi.
    Fammi sapere.;-)

  43. SoundHead

    Si, assolutamente, headroomm e’ un sito molto conosciuto.
    Ricordati che ai costi di acquisto dovrai aggiungere quelli di sdoganamento.
    Infatti io nel limite del possibile compro sempre da Amazon Italia, o da distributori Europei.

  44. Zeb75

    infatti non so ancora se benedirti o maledirti!! :-)

  45. boy92

    Grazie. Va bene anche amazon.com?? Xk amazon italia non ha nè le hd 700, nè il centrance. Senò quali altri distributori europei mi consigli te??

  46. boy92

    Ciao..volevo chiederti quando arriva l’articolo relativo ai formati xk sono molto interessato. Intanto ti rivolgo un’altra domanda: hai nominato tra i formati da utilizzare nell’hifi il FLAC che è un file compresso. Come mai? Vuol dire che non cè differenza tra un FLAC e un WAV??

  47. dario

    Ciao SoundHead,

    o optato per una scelta classica per ora. Ho affiancato alle mie DH 700 le akg 701 . Sono stupito dalla precisione di quest’ultime. Premetto lavoro con un valvolare mc, e vinile 280 grammi con puntina in legno …. Il risultato e’ commuovente se non imbarazzante ….. Due cuffie molto diverse, la prima coinvolgente, ricca di realtà, la seconda chirurgica e dettagliata. Per il test ti consiglio vivamente di sparanti l’ ultimo capolavoro appena uscito dopo 20 anni dei dead can dance, Anastasis. Traccia 2 omonima.
    Senti quel piatto quando entra da lontano e poi fammi sapere ….. Pelle d’oca.

    Buon ascolto a tutti

  48. boy92

    Ciao soundhead,
    ti chiedo scusa se mi intrometto un pò dappertutto e ti faccio anche troppe domande, ma questa qualità audio ad alta fedeltà la desidero sempre di più anche vedendo commenti di altri audiofili. L’utente dario ha scritto che per testare le sue cuffie di provare ascoltare la canzone dei dead can dance sentendo il piatto entrare in lontananza. Allora ho provato a farmene un’idea provando ad ascoltare la canzone con le akg q460+scheda audio della creative da 100 euro. Ovviamente so che non ho i materiali x ascoltare la musica a quei livelli, ma ho voluto provare x sentire le differenze e sembrano davvero enormi xk il piatto entrare in lontananza non l’ho mai sentito in cuffia. Allora ti chiedo se per sentire ad esempio il piatto entrare in lontananza di quella canzone basta un dac come il centrance oppure un amplificatore valvolare. Ti ringrazio della tua disponibilità nei miei confronti.

  49. dario

    Ciao Boy92,
    mi permetto di risponderti prima di passare la parola la nostro Guru Sound che doverosamente potrà correggermi se sbaglio …..
    Il segnale di partenza è tutto . La qualità alla fonte condiziona pesantemente tutta la catena di informazioni che arriveranno al tuo orecchio.
    E’ inutile possedere cuffie da € 500 e amplificatori costosi se poi parti da un segnale scarso come un MP3 o itunes . Se poi aggiungi filtri discutibili ( schede audio da 100 euro ) che amplificano gli errori dalla fonte, ecco pronta la frittata …. Fra questi ci sono i motivi del perché non senti bene quel piatto ……
    Se non vuoi/puoi spendere ma vuoi ascoltare bene, Puoi !
    Comprati il cd originale ( se un album ti piace e merita sono i soldi investiti meglio se ama la musica ) o trovati un file WMA serio sul web ( di 15/30 MB a brano non da 1/5 MB !!!! )
    Un lettore cd , un mini ampli da 100 euro e un cd originale è una già ottima fedeltà. Certo sei lontano dalla alta fedeltà ma per quella, purtroppo bisogna spendere, tanto, troppo . Non c’è fine ……….
    Investi nella materia prima. Una fonte di qualità. Poi amplifica il segnale e per ultimo la cuffia ( la tua va già benissimo ) …….
    Buon ascolto

  50. boy92

    Ciao dario,
    grazie della tua risposta. So che i file di itunes e mp3 sono compressi e quindi con perdita di qualità. Ma anche se avrei comprato il cd originale non avrei sentito nessuna differenza xk non ho i materiali x sentire la differenza tra un mp3 e un wav. Comunque non penso che le q460 siano cuffie in grado di farti sentire la musica con ottima fedeltà, ma sono cuffie come dice soundhead “divertenti”, e quindi sono in un’altro campo. Quello che io voglio è entrare nella vera alta fedeltà e quindi prendermi un impianto nuvovo: dac centrance mini cx+le hd 700. Ma siccome sono ancora un pò dubbioso sulla qualità del dac allora ho chiesto a soundhead e chiedo anche a te se per sentire ad esempio il piatto in lontananza di quella canzone partendo dal file originale basta un dac come il centrance oppure occorre un amplificatore valvolare di qualità come il tuo.

  51. SoundHead

    Grazie ragazzi per i vostri interventi.
    Dario ha centrato il problema, l’origine dei dati è fondamentale, come lo è anche il resto della catena audio dove ogni elemento gioca un suo ruolo specifico.
    A proposito conosco perfettamente il brano dei Dead Can Dance ( li ho tutti i loro album ), e conosco altrettanto bene l’entrata del piatto in lontananza che avete citato.
    Boy, per quanto riguarda la tua domanda, ti rispondo che sono le sinergie dei vari componenti che portano ai risultati aspettati. il DAC che hai in mente con le HD 700, necessitano di un buon ampli per rendere quello che sanno fare al meglio. Non deve essere necessariamente un valvolare, ma sicuramente un ampli di un certo livello. Se valvolare meglio -;)) .
    Intanto vi rimando a questo articolo che ho appena pubblicato, che serve da introduzione all’argomento:
    RECENSIONE MEDIA PLAYERS
    I media PLAYERS digitali sono una componente essenziale della catena audio, e come appunto giustamente menzionato da Dario, hanno a che vedere con la qualità della sorgente.
    Spero sia di vostro interesse -;)

  52. SoundHead

    Si le AKG sono otime cuffie, molto analitiche.tanto che sono ancora una referenza nel’ambito delle cuffie da studio.
    Difficili da guidare, ma con il tuo impianto non hai problemi.
    congratulazioni!

  53. dario

    Non c’è limite alla spesa, ci sarà sempre qualcosa di meglio sul mercato. La ricerca del suono perfetto e’ una chimera. Ti consiglieri col cuore un impianto classico , lettore cd serio e ampli serio. questi ti durano una vita e per le tue cuffie ( qualsiasi cuffia ) e’ oro dal cielo. Avresti il risultato dei tuoi sogni senza impazzire con dic dec e dac. Poi puoi farti un impiantino meno performante, quindi economico al massimo da pc per selezionare gli artisti e gli album che acquisterai in cd un domani. Il pc come l’elettronica in generale e’ un mondo che non si ferma, continuerai a spendere e spendere per stargli al passo. il cd esiste da 33 anni ed è ancora oggi il riferimento audio mondiale. È lo sarà ancora per molto secondo me. Poi il facino della copertina coi testi, le foto dell’album che sfogli, mentre l’ ascolti , seduto, rilassato. Ti viene il flash dell’ultima volta che l’hai aperto, dov’eri, con chi … magari solo ma sorseggiando quella birretta bella fresca…. be….. per me tutto questo non ha prezzo …..

    Cd forever :)

    Salut

  54. dario

    Molto interessante e ben fatto.

    Grazie SoundHead

  55. boy92

    Mi potresti dire i nomi dei componenti della tua catena??

  56. Zeb75

    Ciao Soundhead,

    come ben sai ho acquistato le hd 700, ma ho come l’impressione che queste signore non stiano rendendo come dovrebbero.
    forse per colpa dell’amplificatore, non saprei.
    volevo chiederti, se invece del lehmann rhinelander provassi il Beyerdinamic a1 avrei dei benefici? e se si, di quanto?

    Grazie.

  57. SoundHead

    Ciao Zeb75,

    Mi sapresti dire esattamente cosa non ti piace della resa delle HD700?
    Il Lehmann è un discreto ampli, l’A1, che non ho mai provato, ho letto essere un po’ “freddo”.
    Fammi sapere così mi aiuti meglio a indicarti la scelta.
    Dammi tutta la tua catena audio, da sorgente a uscita nelle HD 700.

  58. Zeb75

    computer Imac,
    software fidelia,
    dac cambridbge magic plus
    amplificatore Lehmann audio rhinelander
    le basse frequenze sono povere. forse perchè venivo dalle beats pro che le enfatizzavano abbastanza?

    grazie

  59. dario

    caro Boy,

    io non lavoro con pc. La digitalizzazione per me porta troppo stress mentale ( vendo tecnologie e sono abbastanza invasato ) quindi amo le cose semplici, ma ancora le migliori , cioè vinile e cd.

    La mia catena è composta da ampli, pre, finali per casse da ascolto a terra. il forum mi ha fatto scoprire le cuffie che sono un mondo meraviglioso che esprime enorme precisione .
    Potrei stare qui tutto il pomeriggio a scriverti del mio impianto ma non è materia tua. Tu stai litigando con tecnologie che cambiano molto la fedeltà del segnale durante la catena. meno filtri hai meglio senti la fendeltà dell’incisione. Per questo diventa molto soggettiva la valutazione nell’ambito PC . Perchè basta un cavo per cambiare tutto . ( anche coi cd non pensare ) Diciamo che è molto più articolato e complesso reggiungere quello che vuoi con pc rispetto ad un impianto “standard”

    Perchè il segnale del cd è quello e basta. l’ha deciso colui che l’ha composto prima di metterlo in produzione. E’ perfetto, ma puoi amplificarlo per renderlo meraviglioso ( HIFI . )

    sei incerto adesso per i materiali da acquistare ? …. vedrai dopo …… diventerai matto . :)

    ciao

  60. dario

    PS. il succo era che la catena più è corta meglio è .:

    conta quante cose servono per fare andare bene un pc seriamente. ( risultati straordinari ma quanta roba da seguire )

    Poi conta quante servono per pare andare bene un cd . ( risutati identici con lettore ampli e cuffie )

    ciao

  61. boy92

    Qualè il segnale di partenza?? mp3??

  62. boy92

    Grazie dario dei consigli. Vorrei sapere cosa dice soundhead a riguardo visto che le utilizza anche lui queste tecnologie.

  63. SoundHead

    La tua catena è ottima fino all’amplificatore.Scusami, ma non mi stancherò mai di dirlo, per cuffie di questo livello devi inserire un amplificatore valvolare, e all’improvviso scoprirai i bellissimi bassi delle HD 700, e non solo quelli. Non lasciarti confondere dalla bassa impedenza delle tue cuffie, quello di cui hanno bisogno è voltaggio, quello che un buon valvolare fa egregiamente.
    Il Cambridge è notoriamente un DAC analitico, pensato proprio per andare con un valvolare.
    :-;

  64. SoundHead

    Allora, ricapitolando in relazione ai formati dei file audio. La qualità massima che vogliamo è quella fornita dai formati lossless :FLAC,WAVE,AIFF.
    Mp3 non va assolutamente bene, neanche a 320 massima qualità, e il motivo è semplice, è un formato compresso e quindi in un sistema HIFI i dati mancanti si sentono, anzi NON SI SENTONO, il che significa NO GOOD.
    Boy92 devi partire dal tuo PC con file estratti dal CD e codificati in FLAC. Al tuo Foobar devi dare questi FLAC da riprodurre. Da Foobar arrivano nel DAC che a sua volta li converte in segnale analogico da passare a un buon ampli. Se qualcosa non ti è chiaro chiedi pure.

  65. boy92

    Ciao soundhead,
    avevo chiesto a zeb75 qual’era il segnale suo segnale di partenza. Ho capito che al foobar bisogna far ripodurre i file flac. In giro per web ci sono molte canzoni in formato flac da 20/30 mb e finora ne ho già scaricati una ventina. Quello che ti chiedevo era un’altra cosa: il signor dario aveva detto che le tecnologie utilizzate per ascoltare musica tramite pc cambiano molto la fedeltà del segnale e quindi è meglio (come dice lui) utilizzare un impianto classico costituito da lettore cd, amplificatore e cuffie. Quindi volevo una tua considerazione a riguardo visto che anche a te ascolti la musica tramite pc.

  66. Zeb75

    no, lossless…

  67. Zeb75

    vada per il valvolare, mi indicheresti qualche modello? oppure basta che sia valvolare?

    ps. se divorzio per causa dell’amplificatore vengo a dormire a casa tua…:-)

  68. Zeb75

    Scusa Soundhead, potresti dirmi se ci sono grandi differenze tra il wa3 ed il wa2? ed inoltre, essendo alle prime armi, il wa2 potrebbe essere sufficiente per alimentare le mie hd 700?

    Grazie

  69. Zeb75

    scusa…wa3

  70. SoundHead

    Zeb75,
    La differenza tra il WA2 e il WA3 è che il primo dispone del doppio tra valvole di potenza e driver.
    La differenza è abbastanza notevole, ma partendo da dove sei tu anche il WA2 sarebbe un grandissimo up grade della tua catena.
    Io personalmente uso il WA2 per le mie Beyerdynamic T1 e per le HD 700. Per le HD 650 è perfetto l’abbinamento con il mio NuForce HDP (che uso come DAC ).
    Come Digital Players per il mio gusto personale i migliori sono Audirvana Plus,Fidelia e Amarra che alterno a seconda del tipo di musica che decido di ascoltare.
    Quando converto un CD, porto il bit rate a 24 e sample rate a 96 (esattamente il doppio della registrazione originale).Approfondirò questo concetto di upsampling nel prossimo post di Lunedì nella recensione di Amarra.
    Spero di essere stato un po’ d’aiuto -;

  71. Zeb75

    Grazie Soundhead, prenderò il wa3.

    sapresti indicarmi dei distributori in Europa oppure devo prenderlo direttamente dagli USA?

  72. Zeb75

    a proposito..
    sto avendo dei seri problemi con fidelia, infatti, quando è in play ed apro semplicemente Safari, l’applicazione va in crash..

  73. boy92

    Ma cambia la qualità convertire il cd portando il bit rate a 24 e sample rate a 96?? Si può fare anche con foobar??

  74. SoundHead

    Distribuisce lui direttamente.Tra le altre cose un servizio eccellente; a me ha fatto risparmiare parecchio sulla dogana, e dico veramente tanto-;
    A me disse che ai follwers di CUFFIEHIFI poteva fare anche un 5% di sconto.
    Ricordaglielo!

  75. boy92

    Ciao soundhead, ho trovato questo come resampler per foobar: http://www.tforumhifi.com/t15580-resampler-sox-in-foobar
    Andrebbe bene?? Per avere il 24 bit ho visto che con foobar si può convertire i file: ad esempio converto un file flac in un altro flac in 24 bit e poi lo faccio partire con le impostazioni del resampler. E’ giusto??

  76. boy92

    Anzi sono riuscito a convertire con foobar un file flac in wav in 24 e sample rate a 96: cavoli mi è venuto fuori un file wav di 147 mb!! o.O. Però devo dire che la differenza la sento già un pò con le mie akg! :)

  77. boy92

    Anzi non sento nessuna differenza..xò dimmi se è corretto quello che faccio.

  78. jakk

    Ciao, innanzitutto complimenti per la recensione.
    Mi sono imbattuto nel tuo blog proprio perché sono alla ricerca di un upgrade al mio impianto cuffie.
    Io ora ho le AKG701 amplificate con il Little Dot III con valvole Mullard.
    Stavo cercando delle cuffie appunto che mi offrissero un salto di qualità oltre un grado maggiore più musicalità ed un un suono con piú corpo in basso, e credo di avere individuato nelle HD700 le candidate ideali.

    Anche se ho le AKG701 non amo analizzare il suono, amo al contrario le lunghe sedute d’ascolto e prediligo la piacevolezza dell’insieme.
    Ascolto soprattutto cantautori, musica acustica, e solo qualcosina di classica.

    Volevo chiederti se con le HD700 rispetto alle mie posso trovare effettivamente il suono ricercato e soprattutto se, a tuo parere, l’ampli può andar bene e se si rende necessario un upgrade anche di quello.

    Grazie mille, se riterrai,per la gentile risposta!

  79. SoundHead

    Jakk,

    Grazie per il positivo feedback.
    Il tuo ampli va bene per le HD 700, scoprirai che rispetto alle 701 sono estremamente più musicali senza però mai mancare del dettaglio e precisione delle AKG.
    Non conosco la tua catena audio quindi di più non saprei dirti.Sicuramente un grande passo avanti. :-;

  80. SoundHead

    Boy ma la senti o no sta differenza?
    Il procedimento che hai fatto è esatto quindi una seppur minima apertura della scena sonora dovrebbe essere evidente. Più la catena e valida più ciò che dico ha senso.
    Mi piace vedere che ci metti passione… Bravo!!

  81. jakk

    Grazie mille per la risposta.
    Ascolto musica liquida in formato flac, come DAC ho il Burson DA-160 (versione solo DAC) che collego direttamente al Little Dot III. Avevo anche pensato ad una altra amplificazione Burson ma il suono delle valvole mi piace molto.
    Ora si tratta di decidere se fare il passo oppure ‘accontentarmi’ delle sorelle HD 650 :-)
    Grazie ancora!

  82. boy92

    Conosci il Benchmark dac 1 usb?? E’ meglio del centrance??

  83. SoundHead

    Jack,

    Io ho anche le 650, che fanno ancora il loro dovere, e molto bene. Il segreto, nel mio specifico caso, quando passo da una super (T1, HD 700 ….) ad una eccellente ( HD 650 appunto), per essere leale nei confronti di quest’ultima, prendo una pausa di un paio di giorni in modo da “disintossicarmi”, quindi mi infilo le 650 e mi ritrovo istantaneamente in un mondo a me molto familiare e amato.
    Le 650 sono già cuffie “calde”, e con il valvolare questo fattore viene enfatizzato ancor più. Tienilo presente.
    È già che me le hai ricordate ora le vado a svegliare con un po’ di Tools!

  84. boy92

    Scusa soundhead, non sei in grado di rispondere a questa domanda??

  85. SoundHead

    Boy92,
    Non sono costantemente sul blog anche perché sto lavorando sulla recensione di oggi che purtroppo non riuscirò a finire fino a domani.
    Comunque no, il Benchmark non l’ho mai potuto testare, ma dalle recensioni lette in giro sembra essere un buon prodotto. Sorry…

  86. boy92

    Tranquillo, grazie lo stesso. Scusa se ti ho interrotto..Buon lavoro.

  87. boy92

    Scusa soundhead, rispondi pure quando hai tempo: il benchmark va bene per le sennheiser hd 700?? Non riesco a capire l’impedenza di uscita dal jack delle cuffie: http://www.benchmarkmedia.com/sites/default/files/documents/dac1-usb_spec_sheet_0.pdf

  88. SoundHead

    Boy92,
    Non avendo mai avuto modo di provarlo personalmente sono andato a leggerti qualche review.
    Le conclusioni sono:
    – DAC di ottima qualità (sample rate fino a 195 khZ)
    – la parte ampli per cuffie ha una tecnologia proprietaria, e sostengono sia in grado di pilotare cuffie con qualsiasi impedenza.

    Una caratteristica condivisa da tutti i recensori americani, sembra essere la trasparenza cristallina del DAC,il che significa massima neutralità e quindi un suono MOLTO analitico.
    Se a te piace questo tipo di ascolto mi sentirei di raccomandar telo anche in sinergia con le HD 700.
    Io personalmente preferisco la musicalità, e con un DAC simile ancora una volta servirebbe l’abbinamento con un ampli valvolare.

  89. boy92

    Grazie mille soundhead dell’aiuto. Io sinceramente preferirei il benchmark per il semplice motivo che mi sembra molto più “serio” rispetto al centrance. Ho visto che su amazon.com ci sono sia le hd 700, sia il benchmark: è affidabile acquistare da quel sito?? Quali altri distributori europei mi consigli??

  90. SoundHead

    boy92,
    vai pure tranquillo con Amazon, io compro tutto lì se non sono costretto a importare dall’estero.
    A fine recensione ho messo il link diretto.Se compri attraverso il link,è giusto che tu sappia che Amazon mi riconosce una piccolissima commissione, senza per questo incidere sul prezzo finale della cuffia che resta invariato.
    Fammi sapere della tua prossima esperienza audiofila ,:-)

  91. boy92

    Va bene..xò dovrai aspettare il 2013. :D

  92. SoundHead

    Boy92,
    Stai tranquillo, ti ho detto che sono affiliato ad Amazon per una questione di trasparenza, ma non devi assolutamente sentirti in dovere di comprare proprio qui.Anzi se troviamo entrò il 2013 un posto dove costa meno, sarà mio piacere fartelo sapere-:)

  93. jakk

    Ciao soundhead, approfitto ancora una volta della tua competenza e disponibilità.
    Come vedresti un Burson HA-160 con le 650 e con le 700?
    Non sono sicuro che il Burson inoltre possa andare bene con le AKG701 che ho già… Che dici?
    Grazie ancora! J

  94. boy92

    Va bene..grazie mille. :) Te avresti la possibilità di testare il burson ha-160d?? Dicono che sia meglio del benchmark e più musicale.

  95. boy92

    Anzi ho visto che lo conosci già..come è l’abbinamento burson ha-160d e hd 700??

  96. SoundHead

    Boy92,
    Non ho più il Burson con me, ma sicuramente ha una buona sinergia con le HD 700. Ha forza di spingerle a volontà,e seppure un po’ freddino dovrebbe farle cantare come si deve.

  97. boy92

    Ooo là! :) Benissimo..infatti in molte recensioni avevo letto che ha un amplificatore potente e inoltre di essere più caldo rispetto ad altri dac a stato solito. Grazie mille dell’aiuto.

  98. boy92

    Ciao Zeb 75,
    volevo chiederti una curiosità: quali artisti ascolti?? Per caso ascolti artisti di musica moderna? dance-elettronica-house??

  99. boy92

    Ciao soundhead,
    volevo chiederti un’ultima cosa: io ascolto abbastanza musica elettronica (non solo quella ovviamente) e ti faccio alcuni esempi di artisti tanto per fartene un’idea: alicia keys, rihanna, david guetta, inna, lindsey stirling, ecc..non so se li conosci e li ascolti. Mi immagino che le loro registrazioni saranno più scarse rispetto ad altre essendo rivolte a un pubblico più giovane, il quale gruppo trova la massima qualità audio in discoteca con volume a 130 db!! Ma non so quante siano scarse! Per ora la mia combinazione è: scheda audio pc + akg q460. In futuro prenderò questa combinazione: Burson ha-160 D (non DS) + HD 700. Se ascolto i brani di quegli artisti, la differenza tra le due combinazioni in termini di qualità, dettaglio e scena sonora (lasciamo perdere la dinamica) sarà notevole o poca??

  100. boy92

    Appena puoi potresti rispondere alla domanda?? Mi è di fondamentale importanza una tua risposta.

  101. SoundHead

    Ti sembrerà di essere in un altro pianeta. Scoprirai in brani che pensavi di conoscere a memoria dei nuovi suoni mai sentiti prima ;-)

  102. boy92

    Questo vale anche per le registrazioni di scarsa qualità??

  103. SoundHead

    Se una registrazione è di scarsa qualità non c’è molto da fare purtroppo:
    Spazzatura in
    Spazzatura out

  104. eleathar

    Buongiorno Max, complimenti per il tuo blog, che reputo molto interessante.
    Sono un possessore di cuffia Senn HD598, in combinazione con un DAC iStreamer e ad un ampli Schiit Asgard: devo ammettere che sono molto soddisfatto di questa combinazione, perché trovo l’insieme molto equilibrato, con bassi presenti e alti brillanti senza essere troppo pronunciati.
    Mi piacerebbe però quanto prima “fare il salto” verso una cuffia più “high end”: pensavo proprio alla HD 700, che mi sembra un giusto equilibrio tra novità, caratteristiche e fascia di prezzo (anche se a quest’utimo riguardo vorrei che ci fosse una riduzione analoga a quello della HD 800). Considerando che io apprezzo molto il suono della HD 598 e il suo soundstage, credi che mi possa piacere la tonalità più scura della 700 e che quest’ultima si sposi bene con il mio ampli? Io mi aspetto un passo in avanti in trasparenza del suono, ampiezza del soundstage e spessore dei bassi: chiedo troppo?

  105. SoundHead

    Elevar hear,

    Innanzitutto benvenuto e grazie per i tuoi commenti positivi.
    Le HD 700 non sono cuffie così calde da preoccupare. Il salto di qualità sarà decisamente importante.
    Noterai una spazialità rinnovata in termini di scena sonora che diventerà anche più profonda e dettagliata.
    I bassi saranno più articolati e precisi.
    Ti divertirai un mondo insomma :-;

  106. Zeb75

    Ciao Soundhead,

    ieri mi è arrivato l’amplificatore valvolare. è un ampli auto costruito qui in Ungheria dove vivo, che monta come valvole: Otk 6h13c di fabbricazione Sovietica, ed una più piccolina con scritte solo in cirillico :-).
    avevi (come sempre) Ragione, sono arrivati i Bassi alla sennheiser hd 700!!!
    sembra di avere effettivamente un’altra cuffia!
    l’unica mia preoccupazione è un continuo rumore di fondo che si percepisce quando il volume dell’ampli è basso.
    volevo chiederti se è normale per un valvolare oppure è un difetto dell’amplificatore?

    Saluti!

  107. Zeb75

    Condivido!

  108. SoundHead

    Zeb75,

    no non è normale. Il fondo dovrebbe essere completamente buio.Devi contattare chi ti ha venduto l’ampli e spiegare il problema.
    Aggiornaci appena puoi!